irisCi sono diversi fattori che mi hanno portato a realizzare il racconto breve “Insegnami a scrivere“, scaricabile ora alla pagina Opere e Letture. (Link rimosso, presto online nella raccolta di storie brevi “Gli elementi dell’essere”)

Uno di questi è l’ispirazione di un fatto che so appartenere ai miei avi: gli altri miei bisnonni paterni (i genitori di mia nonna) si sono conosciuti nelle terre del ferrarese e lui ha veramente insegnato a lei a scrivere. Certo, in questo breve racconto molto di ciò a cui si fa riferimento è di pura fantasia, anche se credo non sia una storia poco comune.
La voce narrante, un ragazzo, ormai uomo, s’accorge della ventenne Iris mentre questa raccoglie fiori di campo ed erbe selvatiche. Con la scusa di farsi rinfrescare il volto con un pò di menta, il ragazzo fa la sua conoscenza ed i due trascorrono un pomeriggio sulle rive del canale che inizialmente li divideva. Così facendo si scoprono interessati l’uno all’altra in maniera del tutto inconsueta. Infatti, per Iris la fonte d’attrazione nei confronti di quello sconosciuto è il suo sapere: egli sa fare a leggere e a scrivere.

Di strano c’era che Iris conosceva la filosofia, la storia, la poesia e conversava, per lo più fra sé e sé, di argomenti poco mondani. La sua vita come serva d’una ricca famiglia borghese di Ferrara aveva dato i suoi indiretti, forse un po’ acerbi frutti.

La ragazza rivela che ha lavorato per anni come serva ed accompagnatrice per i Corbera, una famiglia borghese di Ferrara, e qui ha appreso indirettamente scienze, storia e filosofia. Ma l’orecchio e l’attutidine non bastano ad imparare l’arte pratica della scrittura. Per questo, ora che Iris è tornata al paesello per curare i vecchi nonni, si fa impellente in lei la necessità di emanciparsi attraverso la cultura, forse sfuggendo al volere del nonno che la vuole sposata al nipote del sindaco d’un paese limitrofo.

Fra un bacio e l’altro ella andava dicendo che il nipote del sindaco aveva la testa di un poveraccio e le tasche piene di soldi. Iris era innamorata del sapere, ed in qualche modo io ne avevo preso le sembianze.

Per questo motivo, il loro incontro seguente, nonostante fosse inizialmente voluto e cercato con l’unica finalità istruttiva, diviene la scintilla d’una passione incontrollabile. Così nasceranno complicazioni, si faranno scelte istintive, si imboccheranno percorsi di vita, forse, senza uscita.


3 commenti

Maria Ventura · Aprile 30, 2015 alle 2:43 pm

Abbiamo nominato il tuo blog per il Premio Liebster Award 4.0. Ecco il link per trovare maggiori informazioni: https://readandthecity.wordpress.com/2015/04/30/liebster-award-4-0-read-and-the-city-e-stato-nominato/
A presto!

Ivana DaccòIvana Daccò · Aprile 30, 2015 alle 10:53 pm

Bella l’idea. Ora me lo gusterò con calma.
Buon lavoro

stefanoau · Maggio 3, 2015 alle 1:21 pm

Personaggio intricato quello di Iris e del resto bel racconto, ci sai fare con le parole 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *