ciocherestadelsilenzioDi tanto in tanto qualcuno mi chiede: “Ma perché non scrivi la storia della tua famiglia?
In effetti era solo questione di tempo prima che le mie due passioni, la ricerca storico-genealogica e la narrativa, tentassero di contaminarsi a vicenda, a tal punto da fondersi in quello che sarà il mio prossimo progetto.
Ciò che resta del silenzio” è un romanzo breve che esplora i ricordi di una vita. Il protagonista di questa vicenda è il mio bisnonno Domenico Fabbri, uno dei fattori più importanti di Marradi negli anni ’20 e ’30 del Novecento. La narrazione ha luogo nella palazzina dove l’anziano vive assieme alla figlia, alla vigilia di quella che sarà una tragica giornata per il paesino che sorge sulle rive del Lamone. Il 5 giugno 1944, infatti, Marradi fu bombardata dagli alleati angloamericani e sia Domenico che sua figlia Maria perirono in quel disastro.

ciocherestadelsilenzio2Così, nei suoi brevi ma intensi otto capitoli, “Ciò che resta del silenzio” scaverà nei ricordi di una famiglia e porterà alla luce ciò che ai miei occhi è sempre stato nascosto. Eppure il passato vuole parlarci, basta solo ascoltarlo. La prospettiva narrativa sarà uno scorcio sulla Marradi dell’epoca, fra finzione e realtà.
Buona parte di questo lavoro è stato coadiuvato dalla preziosa collaborazione del figlio del cugino di mio nonno, Armando Fabbri. I suoi ricordi mi hanno permesso di unire quei puntini che erano costituiti dai documenti che ho rintracciato, così da formare uno splendido disegno. Sembra impossibile che tutto ciò, un intero mondo, un passato pieno di sfumature inattese, potesse sfuggirmi per sempre. Per fortuna il destino non lo ha voluto, ed oggi sono felice di poterlo condividere con chi vorrà leggermi.

La pubblicazione del libro è prevista per i primi di giugno, mentre a metà maggio sarà online il mini documentario, anch’esso intitolato “Ciò che resta del silenzio“, che presenterà il lavoro e la ricerca che ho affrontato in questi anni.


2 commenti

Ivana Daccò · Aprile 29, 2016 alle 9:45 pm

Sarò felice di leggerlo. Congratulaioni a davvero tanti auguri

    alessiofabbri · Maggio 8, 2016 alle 6:06 pm

    Grazie mille Ivana 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *